Come schiudere i naupli di Artemia salina

di Roberto Silverii

 

In questo articolo descriviamo uno dei metodi possibili per la schiusa dei naupli di Artemia salina, l’alimento principe per gli avannotti di Anabantidi.

 

Abbiamo bisogno di:
– 1 vaschetta di plastica
– 1 areatore con tubicino e pietra porosa
– 1 scatola di cartone poco più grande della vaschetta
– 1 setaccio per artemie
– 1 pezzo finale di una bottiglia di plastica

Preparare la soluzione con 30-35 gr di sale fino da cucina non iodato per litro d’acqua. Aggiungere una spolverata di cisti di artemie, mescolare bene e lasciare nella vaschetta con l’areatore acceso. Solitamente i primi naupli nascono dopo 48 ore.

 

Ecco come si presenta la vaschetta con la soluzione di acqua e sale, le cisti e l’areatoreOra copriamo la vasca con una scatola di poco più grande, in modo da fare il buio totale all’interno della vaschetta. Il taglio all’angolo serve per far entrare luce solo da quello spiraglio, in modo che i naupli (che nuotano verso le fonti luminose) si raccolgano tutti nello stesso punto.

 

Ecco come dovrebbe presentarsi la scatola. Si consiglia, rispetto all’immagine, di tagliare lo spigolo qualche centimetro più in alto, in modo che i naupli si concentrino sopratutto a metà della colonna d’acqua, così sarà più difficile pescare anche le cisti non schiuse e i gusci che si raccolgono sul fondo.Dopo aver spento per circa 15-20 minuti l’areatore, in modo da eliminare la turbolenza in acqua che disperde i naupli, procediamo col pescarli tramite un tubicino, di quelli che si usano per l’areatore, sfruttando il principio dei vasi comunicanti.Facciamo fluire l’acqua salata con i naupli attraverso il setaccino, dove rimarranno tutti i naupli, mentre l’acqua salata si raccoglierà nella bottiglia, in modo da poterla rimettere nella vaschetta.

 

Questo metodo permette di raccogliere quantitativi eccezionali di artemie, diminuendo al minimo la quantità di gusci e cisti non schiuse, che alla lunga potrebbero dare problemi ai nostri avannotti.

 

Prima di somministrare i naupli sciacquiamo il setaccio con acqua corrente dentro un bicchiere, così avendo i naupli insieme ad acqua dolce, possiamo somministrare direttamente in vasca.La coltura va rinnovata ogni 10-20 giorni, dipende da quante cisti aggiungiamo giornalmente, comunque quando il numero dei naupli diminuisce drasticamente.Si consiglia, quando la raccolta di naupli è abbondante e va oltre il fabbisogno del nostro allevamento, di congelare i naupli con un pò di acqua dolce, magari in quelle vaschettine che servono per fare il ghiaccio a cubetti, così da avere sempre pronte delle “dosi” da scongelare e somministrare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *